Centro per la famiglia

Cosa?

È un servizio che tutela la famiglia nella sua globalità, nella sua evoluzione e trasformazione individuando in essa un soggetto sociale privilegiato.


Chi?


Famiglie: neo genitori, famiglie in fasi delicate del ciclo vitale, famiglie a rischio di esclusione sociale, famiglie immigrate con particolari carichi di assistenza (con, al loro interno, anziani o disabili); nuclei monogenitoriali, famiglie adottive e/o affidatarie;
Minori: residenti nel territorio, minori ospiti presso Case Famiglia o appartenenti a famiglie multi- problematiche a rischio di disagio psico-sociale e quelle derivanti dalla seconda generazione di famiglie immigrate;
Adulti: singoli individui, donne vittime di violenza; disabili, invalidi civili, portatori di handicap; individui in condizione di fragilità psico-sociale o socio-economica.


Come?


Consulenza e psicoterapia individuale di coppia e familiare rivolta ad adulti e minori;
Sostegno alla genitorialità adottiva ed affidataria;
Accompagnamento alla genitorialità e tutela della maternità (il cantuccio delle mamme - prevenzione depressione post-partum);
Prevenzione e trattamento dell’abuso sui minori;
Spazio neutro;
Mediazione familiare;
Consulenza legale.Dove? Il servizio viene svolto presso il Centro per la Famiglia “Punto e a Capo” con sede in Tivoli, Via Enrico Toti 62/64.


Quando?

Dal Lunedì al Venerdì Mattina: dalle ore 9.00 alle ore 13.00 Pomeriggio: dalle ore 14.00 alle ore 18.30


A chi rivolgersi?

Il servizio viene attivato dal Servizio Sociale del Comune di Tivoli, i Servizi Sociali dei Comuni appartenenti al Distretto RM G3 e dall’ASL RM G3.


Orari?

Negli orari di ricevimento dei Servizi Sociali Comunali e della ASL RM G3.


Qualità?

La Cooperativa garantisce:
Monitoraggio continuo della qualità dei servizi offerti, attraverso la raccolta strutturata e continuativa dei dati relativi ai risultati degli interventi, ai tempi di realizzazione, alle risorse impiegate ed al grado di raggiungimento degli obiettivi;
La Stesura di report semestrali redatti e presentati dal Responsabile del coordinamento agli attori pubblici presenti sul territorio;
La riservatezza dei dati personali e sensibili ai sensi del D. Lgs. 196/2003.